TRAGEDIA E FARSA NELLA PIANA DI CAMPO IMPERATORE

1371
Stampa questo articolo

SEQUENZE DI “TRINITA'” VICINO AL MONUMENTO ALLA FAMIGLIA DI PASTORI

I luglio 2016 – Non molto lontano dal monumento che riprende l’incontro tra un pastore che porta sulle spalle un figlio morente, nella bufera,  e la donna che si era avventurata nella stessa bufera da Calascio per cercarli, sarà collocato un pannello per ricordare le scene del film “Continuavano a chiamarlo Trinità”, con Terence Hill e Bud Spencer, nella enorme piana di Campo Imperatore. Episodio vero quello del pastore, il 13 ottobre 1919: Pupo Nunzio perse i suoi due figli e 5000 pecore. Sequenze fantasiose quelle nelle scene del western dissacrante quelle che il Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga si accinge ad immortalare in un luogo solenne e significativo per tutti gli abruzzesi: tragedia e farsa che non sono inconciliabili tra le cime aspre di un territorio severo e inospitale (forse per questo più affascinante). Nella foto in alto sullo sfondo svetta il Monte Camicia; nella foto in basso l’incontro ormai marmoreo (ma non doveva essere meno gelido quello vero) tra Pupo Nunzio e la moglie.

Qui il 13 Ottobre 1919 il pastore Nunzio di Roio muore con i suoi figlioletti sorpreso da una tormenta. La moglie, nel disperato tentativo di portare loro aiuto impazzisce e muore dal dolore. Lo scultore Vicentino Michetti ha impresso nel marmo questa tragedia per onorare tutti quelli che hanno trovato la morte in queste montagne.

Please follow and like us: