QUASI UN QUINQUENNIO PER AVERE UNA RISPOSTA

64
Stampa questo articolo

“SULMONA BENE IN COMUNE” PRENDE DI PETTO IL TEMA DELLE RELAZIONI CON LA SINDACALA SALITA PER LE ARDUE SCALE DELL’ACCESSO AL COMUNE

13 SETTEMBRE 2020 – “Sulmona Bene in Comune” aveva formulato critiche alla sindaca Annamaria Casini per la sostanziale incapacità di evitare il declassamento dell’ospedale e per l’isolamento al quale la politica della sindaca ha lasciato il centro-Abruzzo. La sindaca ha risposto per vie che non sono conosciute a tutti, forse conservando un rapporto privilegiato con alcune testate che la sostengono a spada tratta, cosicchè “Sbic” torna sull’argomento per concludere il confronto. “Siamo soddisfatti – sostengono quelli di Sbic – che il Sindaco ci abbia risposto: è la prima volta che si degna (avremo toccato un nervo scoperto?). Dal nostro punto di vista il Sindaco di Sulmona è politicamente debole e ora vediamo che la Casini è d’accordo con noi: nel suo comunicato dichiara chiaro e tondo  di sentirsi politicamente debole. Nella sua risposta cerca di coinvolgere (come se ci fosse un mal comune mezzo gaudio) tutto il territorio accusandolo di essere debole. Possibile, certo. Dobbiamo ringraziare lei, che con delibere che negano al territorio la necessità di avere un  ospedale di primo livello, ha fatto in modo che non ci fosse una vera unione e quindi una maggiore forza politica. Dobbiamo ringraziare lei, che ha condotto le vicende COGESA in modo che il territorio fosse diviso e debole. E poi come ha difeso la centralità del nostro territorio quando si è parlato di trasporti su ferro e della linea Pescara Sulmona? Abbiamo organizzato anche un evento pubblico. E’ intervenuta? Ha detto la sua? Ha accolto le nostre ipotesi? Una signora che, lei sì, pensa solo alle campagne elettorali e non è riuscita ad avere nessun rapporto costruttivo con la minoranza: dov’era il Sindaco quando abbiamo fatto proposte ragionevoli di emendamenti al bilancio, negli ultimi quattro anni?E poi, Sindaco, se noi abbiamo un “autorevole componente” del Consiglio Comunale (come dice Lei) ci meravigliamo che non sia stato mai contattato in questo lungo periodo di Covid, anche così ci si rafforza politicamente, anche dialogando con una forza politica solo civica, (ma perché Lei che interlocuzioni politiche ha? quali sono i suoi referenti in Regione? Ci piacerebbe saperlo)  che però può dare il suo contributo. Dovevamo aspettare la (quasi) fine del mandato per avere una risposta ad una nostra posizione: grazie”.