PASSEGGIO DI UN TEMPO, A MENO DI UN METRO

311
Stampa questo articolo

NOSTALGIA PER LE VICINANZE

22 MARZO 2020 – Era così vivace il passeggio lungo il Corso che non mancavano le differenze, quelle che si potrebbero chiamate le voci soliste. Per esempio questa signora di Scanno, che veste l’abito scuro di tutti i giorni ed è ripresa dal balcone della redazione de “Il Tempo”, nel punto cruciale tra l’Annunziata e la Trinità, negli anni Settanta, mentre parlotta con un’amica ed entrambe non si filano troppo il signore che procede sulla sinistra, passando a distanza non consentita all’epoca del coronavirus. L’abito è quello semplice dei giorni comuni oppure delle feste povere come quella di Sant’Antonio Abate a Scanno, fotografata nello stesso periodo.

Nessun intento di proteggersi dal virus in questa donna di Scanno, all’uscita dalla chiesa e prima della benedizione delle sagne per Sant’Antonio il 17 gennaio 1977. E neppure la volontà di impedire la ripresa del labiale nel segreto che sta rivelando; solo la necessità di proteggersi dal gelido Burian
Sul Corso affacciavano esercizi commerciali affollati e super-attivi, prima dell’era nefasta dei centri commerciali che hanno svuotato e depresso il centro storico

Autovetture dalla linea quasi parallelepipeda, per niente aerodinamica e certamente brutta, come questa Peugeot o quella FIAT 131 che sta per girare su via Ercole Ciofano e peggio ancora la 850 FIAT (parcheggiata poco prima della cartoleria “Cellammare”) una delle penitenze più brutte che Torino potesse infliggere all’Italia, seconda solo alla colonizzazione del Sud. Sulla destra si nota ancora l’insegna con sottili circuiti al neon del BAR che era stato di Ciccozzi e che fu di Cavicchia e di Marinucci. Complessivamente, però, un discreto quadro dello “struscio” con gente ancora non appesantita dalla obesità simil-statunitense che si nota oggi: segno di una alimentazione sana e di interessi un po’ più elevati rispetto all’ingozzamento dell’oggi.

Davanti alla Trinità, ma anche davanti all’Annunziata, non si vede una mascherina.

L’epoca è quella del rifacimento della facciata dell’Annunziata, cioè anche quella del transito degli autobus ingombranti e quasi sempre vuoti (sullo sfondo, davanti all'”Unica”)

Please follow and like us: