NUOVA TECNICA DEL LEGNO PER REGGERE I PALAZZI

317

Stampa questo articolo
SPERIMENTAZIONE DAVANTI AL COMUNE IN VISTA DEGLI OSPITI DELLA GIOSTRA

16 LUGLIO 2019 – Per riempirsi la bocca di grandi progetti sulla trasversalità nelle comunicazioni e sulle fortune nuove e progressive che verranno dal COGESA, la sindaca non sarà neanche in grado di accogliere gli ospiti della “Giostra” in modo dignitoso, perchè proprio davanti all’ingresso del Comune c’è un balcone… sostenuto da una impalcatura messa alla meno peggio. Ma non mancano vasi in ferro con fiori, per ingentilire la visione decisamente decadentistica.

E dire che il Palazzo Mazara che guarda al municipio con i suoi balconi spagnoleggianti è di molto più pregevole dello stesso municipio e meriterebbe una attenzione proporzionata alla definizione di “più bel palazzo d’Abruzzo” nel suo genere di abitazione patrizia dalle molte soluzioni architettoniche (in questo senso Giovanni d’Alessandro su “Il Centro”). Ora la porzione di proprietà comunale è chiusa per volontà della sindaca dal  gennaio 2017 perchè, pur non avendo riportato danni dalle scosse di quei giorni, è stato ritenuto pericoloso per insindacabile suggerimento dei dipendenti di un ufficio “culturale” al primo piano. Il suggerimento è stato tanto seguito dalla sindaca che ci ha messo del suo e non garantisce nè manutenzione, nè pulizia. Adesso questa… elegantissima “staiella” di legno se la trova davanti ogni volta che entra o esce a Palazzo S. Francesco. Ma, come per tutti gli obbrobri che vanno arricchendo Sulmona da quando Andrea Gerosolimo l’ha messa a fare la sindaca, probabilmente risolverà l’imbarazzo girandosi dall’altra parte.

Please follow and like us: