ROBERTI E ANTOCI PARLANO DELLA MAFIA DEI PASCOLI IN ABRUZZO

75
Stampa questo articolo

25 GIUGNO 2020 – Verrà scritta una nuova pagina sul tema sorprendente degli affitti dei pascoli abruzzesi a società di altre regioni (per lo più Veneto e Sicilia, ma non manca mai la Calabria). Saranno presenti “telematicamente” Franco Roberti, europarlamentare, già procuratore nazionale antimafia e Giuseppe Antoci, miracolosamente scampato ad un attentato quando era presidente del Parco dei Nebrodi ed oggi presidente onorario della Fondazione Caponnetto. Il collegamento, domani dalle ore 17 sulla pagina facebook del PD dell’Abruzzo, sarà intitolato “Dalla Sicilia all’Abruzzo: la mafia tra i nostri pascoli” e prevede anche gli interventi del segretario del Pd Abruzzo Michele Fina e al segretario del Pd della provincia dell’Aquila Francesco Piacente. Teresa Nannarone, responsabile del Forum regionale contro le mafie del Pd, sottolinea “l’importanza dell’impegno costante del partito regionale per la lotta alla mafia, che è tutt’altro che un fenomeno alieno, come testimonia l’ordinanza del Tribunale di Messina del gennaio scorso, che ne individua la presenza in 20 Comuni abruzzesi. Parleremo di questo, con particolare attenzione al fenomeno della mafia dei pascoli, con ospiti particolarmente competenti e illustri: Giuseppe Antoci, ‘eroe dei nostri tempi’, come lo ha definito Andrea Camilleri. Antoci è colui che per primo ha ideato un protocollo, divenuto poi legge nazionale ed europea, per sottrarre i pascoli della Sicilia alla mafia. Nel maggio 2016 la mafia ha tentato di ucciderlo in un attentato, ma grazie all’intervento degli uomini della sua scorta è riuscito a salvarsi. Oggi, nonostante l’agguato ed altre intimidazioni, continua la sua battaglia come solo gli eroi possono fare. Ed è un onore avere di nuovo la presenza dell’ex procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, oggi parlamentare europeo, nostro costante riferimento per il contrasto alle infiltrazioni di ogni forma di criminalità organizzata nei Territori e nelle Istituzioni”.

Please follow and like us: