“MA A SETTEMBRE IL LICEO NON DOVEVA ESSERE CANTIERABILE?”

96

LE ALLEGRE SPARATE DELL’ASSESSORE ZAVARELLA

22 SETTEMBRE 2020 – “Quel buco sulla facciata dell’edificio che ospitava il liceo classico a Piazza XX Settembre, è la rappresentazione plastica del fallimento amministrativo, ancor prima che politico, di questa classe politica al governo della città” osserva il Partito Democratico, che prosegue : “Un “buco” che rischia di diventare la prova finale del “vuoto” sociale e culturale prodotto da amministratori supponenti,  incapaci di riparare quella che è stata la sede storica dove si sono forgiate intere  classi dirigenti. “Sbloccato il progetto per la ricostruzione del liceo classico che, a settembre, sarà cantierabile”, annunciava trionfante qualche mese fa il super assessore  Zavarella che, forse preso dalle innumerevoli riparazioni di colonnine sbrecciate e pulizie un po’ ovunque in giro per la città, ha perso di vista quale è la funzione del suo ruolo di assessore.Quello, cioè, di adoperarsi politicamente e  fattivamente alla risoluzione dei problemi a lui devoluti dalla delega affidatagli. Nella fattispecie, attraverso i contatti, il confronto,  la ricerca delle soluzioni possibili con gli Enti competenti  sovraordinati (Provincia e Sovrintendenza) che, ad oggi, sembrerebbero bocciare il progetto di intervento esistente. Avevamo bisogno dell’ennesima bufala su un’imminente soluzione, spacciata a giugno come frutto di un decisivo intervento di questo nuovo demiurgo apparso sulla scena politico-amministrativa cittadina? Consapevoli dunque dell’inconsistenza di ogni tentativo di soluzione finora perseguito in merito, ci adopereremo con i nostri referenti politici, a livello regionale e ministeriale, affinché si possa riproporre un progetto adeguato ad effettuare interventi strutturali su quell’edificio, tali da poter riospitare quanto prima i ragazzi del Liceo Classico, sollecitando, al riguardo, i necessari finanziamenti occorrenti, nel quadro di proposte di rilancio economico-sociale del territorio sostenibili con le disponibilità dei fondi europei.In merito contiamo di dar conto alla cittadinanza di ogni utile novità che dovessimo riscontrare nell’immediato futuro” conclude il circolo del Pd di Sulmona.