L’ORSO SI SALVA SE VIENE TENUTO LONTANO DAI POLLAI

230

L’ESPERIENZA NELLA VALLE PELIGNA VIENE TRASFERITA IN VALLE ROVETO E IN ALTO MOLISE

6 DICEMBRE 2020 Grazie a un recente finanziamento di circa 60.000 Euro erogato dalla Fondazione Segré, un’organizzazione benefica attiva da 20 anni in tutto il mondo e dedicata a proteggere la biodiversità del nostro pianeta, “Salviamo L’Orso” destinerà i 60.000 euro conferiti dalla Fondazione Segrè per “continuare il lavoro iniziato negli scorsi
anni in due aree fondamentali per la conservazione dell’orso dell’Appennino. SLO spenderà ulteriori 10.000 Euro di fondi propri per cofinanziare le attività del progetto previste nel biennio 2021-2022.
La nostra associazione – dichiara il Presidente di SLO, Stefano Orlandini – avvalendosi dei numerosi volontari che ormai da un quinquennio ci raggiungono dall’Italia e da tutta Europa per 12 mesi l’anno e grazie alla generosità della Fondazione Segré, sarà in grado di completare il censimento di tutte le attività zootecniche a rischio di “visita” da parte dell’orso in Valle Roveto e in alcuni Comuni molisani, per poi metterle in sicurezza con l’installazione di recinti elettrificati e porte rinforzate. La nostra esperienza a Pettorano sul Gizio e in Valle Peligna, dove abbiamo promosso la prima “Bear Smart Community” o “Comunità a misura d’orso”, sarà fondamentale per la riuscita del progetto che comprende ovviamente anche tutta una serie di attività di informazione rivolte alle comunità interessate e la disseminazione delle “buone pratiche di convivenza” con il grande mammifero, simbolo delle montagne dell’Appennino centrale.