IL COGESA SI DA’ ALL’AMMUINA

196

Stampa questo articolo
I RIFIUTI DI SULMONA VANNO A NAVELLI, QUELLI DELL’AQUILA A SULMONA: E’ L’ECONOMIA CIRCOLARE DELL’AMMINISTRATORE DAI 40 LIKE SU FACEBOOK COMPRESA LA MOGLIE

18 OTTOBRE 2019 – Grandi manovre per l’amministrazione del “Cogesa”, il consorzio per la gestione dei rifiuti. Nell’ambito della “economia circolare” enunciata un mese fa dall’”amministratore quaranta like e basta”, Vincenzo Margiotta, dovrebbe inaugurarsi a breve un vorticoso giro di monnezza attraverso il quale dislocare i rifiuti differenziandoli con direttive che sembrano molto riprendere dal “facit’ammuina” attribuito dalle forze di occupazione piemontesi alla Marina borbonica (il bue che dice cornuto all’asino…) e poi passato a significare un complesso di scambi fittizi e di movimenti inutili solo per dare impressione di grande organizzazione.

Così, l’organico di Sulmona va ‘ncopp a Navelli; onde poi il COGESA, che è “plastic free”, impacchetta la plastica per ignota destinazione, dalla quale lo riprenderà in altri contenitori, al punto che la vita della discarica di Noce Mattei potrebbe risalire ad una stima leggermente migliore rispetto al domani cui ci hanno costretto i conferimenti di monnezza di L’Aquila, cui l’”amministratore quaranta like e basta” ha aperto le braccia e il fatturato.

Tutta questa ammuina potrebbe comportare, anzi comporterà un aumento della tassa a carico degli utenti del COGESA, che prima dell’insediamento dell’amministratore unico nel suo genere, Vincenzo Margiotta, potevano contare su un impianto ed una discarica perfettamente calibrati per le necessità quarantennali di tutto il circondario.

Please follow and like us:
error