IL CAMPO DI PRIGIONIA PASSA AL COMUNE – PICCIONI E TOPI IN FESTA

174

LE PRIME PATTUGLIE DI PICCIONI E TOPI FANNO IL SOPRALLUOGO PER L’AGIBILITA’ AI FINI DELL’INSEDIAMENTO

23 DICEMBRE 2020 – “L’acquisizione di Campo78 al patrimonio del Comune di Sulmona è divenuta realtà” squillano le trombe da Palazzo San Francesco, perchè è stato firmato questa mattina l’atto di trasferimento di proprietà dallo Stato al Comune dell’ex campo di prigionia di Fonte D’Amore. “Si tratta di un passaggio molto importante atteso dalla cittadinanza, al quale l’amministrazione ha lavorato con grande impegno sin dall’inizio del mandato e che apre la strada al progetto di valorizzazione del prestigioso luogo di storia e cultura del territorio, frutto di un lavoro corale.Un atto che fa seguito all’accordo firmato le scorse settimane dal Comune, dall’Agenzia e dal Mibact, che prevede il piano per il “Ripristino e la rifunzionalizzazione del Parco della memoria Campo78””. E’ quanto afferma l’assessore  Manuela Cozzi, spiegando che l’ opera di riqualificazione di Campo 78 è inserita nel piano denominato “Lo Spirito d’Abruzzo – Abbazia di Santo Spirito al Morrone di Sulmona”, per la valorizzazione dei siti di grande interesse storico e culturale nell’area pedemontana del Morrone , che comprendono anche l’Abbazia Celestiniana e l’Eremo, in particolare il piazzale d’accesso e lo chalet.

Speriamo che la significativa testimonianza storica alle falde del Morrone non faccia la fine di tanti altri beni comunali, diventati negli ultimi anni nidi e tane di piccioni e roditori di vario genere per assoluta carenza di manutenzione.