CORSI E RICORSI DIMASCIANI

211

Stampa questo articolo

Da Via Mazara a Vico Di Masci

ANNUNCIA LA CADUTA DELLA GIUNTA COME QUATTRO ANNI ANNI FA E PROMETTE DI RIVOLTARE IL COMUNE COME UN CALZINO, COME QUATTRO ANNI FA

19 GENNAIO 2020 – Una assemblea di ottuagenari ha applaudito la chiamata alle armi di Bruno Di Masci, che ha annunciato il ritiro degli assessori da lui scelti e sostenuti. Martedì sarà messo nero su bianco e da martedì, quindi, si aprirà la campagna elettorale, nel corso della quale Di Masci ripeterà quello che ha detto contro la candidata di Gerosolimo, Annamaria Casini, durante la campagna elettorale di circa quattro anni fa, per poi sostenere, proprio con quei voti della scorsa chiamata alle armi, Annamaria Casini  dal settembre 2018 a domani.

Intanto, ha ripetuto oggi quello che disse per provocare la caduta del sindaco Ranalli, che aveva collocato sulla poltrona di sindaco. E ripeterà, in campagna elettorale, che intende andare a governare il Comune per “rivoltarlo come un calzino”. Che sia, o non, un caso di corsi e ricorsi vichiani, Di Masci ha assunto in questi anni anche le caratteristiche di un personaggio in perenne lite con se stesso. A votarlo rimarranno, in primavera, i cinquanta fedeli che lo hanno applaudito oggi.