BRUNO DI MASCI STUDIA DA ARCHITETTO

339

Stampa questo articolo

Il nome di Bruno Di Masci tra quelli degli architetti

PARTECIPA E FIRMA NEI CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA

13 OTTOBRE 2019 – Qualche dispiacere la politica gli ha dato nell’ultimo anno. Non tutti i suoi elettori hanno apprezzato la piroetta con la quale ha abbandonato l’opposizione alla giunta Casini e si è dato anima e cuore a sostenere proprio i nuovi amici gerosolimiani.

Così, Bruno Di Masci studia da architetto e, da quello che appare nel registro delle presenze (nel caso concreto al “Premio Sulmona”), partecipa ai corsi di formazione continua dei seguaci del grande Vitruvio, cui si ispira l’altrettanto grande Leonardo da Vinci con il disegno che ha girato il mondo e che nei giorni scorsi l’Italia si è tenuto gelosamente rifiutando un prestito. Con i voti presi in campagna elettorale spergiurando di combattere ferocemente Annamaria Casini e Andrea Gerosolimo e poi regalati per puntellare la giunta in caduta libera, Bruno Di Masci ha realizzato la quadratura del cerchio, con una mossa da architetto cui niente è impossibile. E’ in se stesso latore dell’equilibrio perfetto: come il baricentro della politica si sposta, lui si riposiziona. Tra poco sarà annoverato nella casistica del moto continuo.

Oggi ce lo potremmo ritrovare in Piazza Garibaldi tra gli stand della Protezione Civile che allestiscono “Io non rischio”. Di Masci non rischia e sta con chi vince; probabilmente ha scambiato il registro delle presenze con  una raccolta di firme per Annamaria Casini e quindi s’è tuffato. Così: tanto per rafforzare il sostegno, fuori e dentro il Comune, perchè si sappia che su di lui si può contare sempre.

 

Please follow and like us:
error