ASSESSORE PART TIME CON MOGLIE PART TIME

147
Stampa questo articolo

STRANE EVOLUZIONI DEL CONCETTO DI BUONA AMMINISTRAZIONE: MARIANI HA ACCETTATO IL FAVORE MA PRECISA DI NON AVERLO CHIESTO

3 SETTEMBRE 2020 – L’Italia è diventata grande all’inizio del XIX secolo perché veniva da una mentalità che portava il presidente del Consiglio dei Ministri dimissionario a lasciare il Quirinale (ove aveva rimesso il mandato al Re) con una carrozza in noleggio sottolineando che non aveva diritto a quella dell’ufficio. Qui abbiamo un assessore comunale che si giustifica dicendo di non essere stato lui a chiedere ad una cooperativa di assumere la moglie dopo che il presidente di quella cooperativa ha detto di averla assunta per fare un favore all’assessore. Cioè: il favore non viene negato, ma l’assessore dice di non aver preteso; come quei difensori che sostengono che semmai c’è stata corruzione, ma non c’è stata concussione. E sono soddisfazioni.

Questo tale Mariani si schermisce dicendo che è solo un contratto part time, che scadrà tra pochi mesi: ecco, esattamente la durata del suo assessorato, perché gli assessori della sindaca Casini non durano che pochi mesi, secondo le esigenze di Andrea Gerosolimo per le mire che ha nelle relazioni e nelle alleanze. Addirittura sembra che con questa assunzione si sia inaugurato il part time dell’assessore per farlo coincidere con il part time della moglie.

L’ultima chicca riguarda la domanda che Mariani rivolge a chi ha divulgato la notizia: sostanzialmente vuol sapere se criticando l’assunzione in una cooperativa che lavora con il Comune e con le società dal Comune partecipate (cioè nel perimetro della delega dello stesso Mariani) si vuole sostenere che le mogli degli assessori non possono trovare lavoro nelle cooperative che lavorano con il Comune. E’ esattamente così; le mogli degli assessori non debbono trovare posto nelle cooperative che lavorano con il Comune. E’ una risposta semplice semplice che può sorprendere chi non ha molta familiarità con i concetti di opportunità e convenienza e che pensa di difendersi con il bell’argomento che non ha commesso una concussione. C’è molto di più, prima di arrivare alla concussione; e c’è molto di più prima di arrivare all’ambito dei reati. C’è la furbizia, c’è l’opportunismo, c’è il lasciar fare che altri propongano senza dire. Sono tutte cose che non hanno a che fare con la saggia amministrazione. E che non sollevano l’assessore Mariani dall’obbligo di rispondere alla domanda: “Ma se Sua moglie è questo genio curriculare, perché non ha fatto domanda alla NASA?”. E perché i giovani e, in genere, i disoccupati di Sulmona, se vogliono trovare lavoro, debbono essere geni della NASA, mentre la moglie dell’assessore può limitarsi ad assistere alla pantomina che il presidente della cooperativa fa un favore all’assessore e l’assume, pur se l’assessore non compie una concussione chiedendo e premendo per l’assunzione?

Allora facciamo una prova del nove: la moglie rinunci all’assunzione e dimostri di trovare un buon lavoro altrove.  O è meglio viaggiare sempre nella carrozza del Presidente del Consiglio?

Nella foto del titolo uno degli angeli della Fontana del Vecchio, detto Il Vaschione. Deve aver ispirato la risposta di Mariani per fargli dire la verità che complica la sua posizione