RUVIDO TERRENO E MUSCOLI FORTI IL SEGRETO DEI BIANCOROSSI

116

Stampa questo articolo
A RITROSO NELLA STORIA DEL SULMONA CALCIO.: IL 1972

18 FEBBRAIO 2019 – Ruvido terreno di uno stadio che non si chiamava ancora “Pallozzi” e di un campo sportivo che non conosceva ancora l’erba; ma anche quell’ostico campo di gioco era l’ingrediente delle favolose vittorie di questo “undici” tutto agonismo e muscoli. Tiro perfetto, ma ottimo intervento del portiere avversario in area.

Nella foto accanto al titolo una formazione dell’epoca. Da sinistra in piedi: Orlandi, Silenzi, Suriani, Fabbri, Pendenza, Tripodi; in ginocchio Cimarra, Carrozza, Lancia, Petrella, Ricotta

Segatura a go-gò nell’area di porta con un pallone insidiosissimo

Le foto, sviluppate da una pellicola ILFORD 120 di 22 din, rendono bene anche l’impasto strano che serviva ad assorbire acqua per non far formare pozzanghere nei soliti punti. Veniva fatta una specie di aratura del terreno, che imballava le formazioni più abituate a giocare sull’erba, come il Pescara e altre titolate compagini ospiti.

Anche qui, come negli articoli di questa sezione pubblicati negli ultimi giorni, siamo nel 1972. Una foto di quasi mezzo secolo fa, che non lo dimostra.

Please follow and like us: