PRIMA DEL TRAVERTINO STA L’ESTETICA

111

Stampa questo articolo
LE PROPOSTE DI BIANCHI PER I FUTURI RESTAURI AL CENTRO STORICO

1 APRILE 2019 – La consigliera comunale avv. Elisabetta Bianchi ha “predisposto atti amministrativi utili e le necessarie interlocuzioni istituzionali al fine di trasformare la protesta e la indignazione dei cittadini in proposta utile a concorrere a migliori e più incisive azioni di tutela dei preziosi beni comuni”. Lo ha fatto “all’esito dello strepito cittadino occorso per la tipicità degli interventi di cosiddetta riqualificazione del Centro Storico di Sulmona, caratterizzati per la sostituzione di materiale lapideo pressoché intonso con sogliette di travertino in un luogo gravato da vincolo storico ed ambientale”; questo l’ha indotta a ritenere “indefettibile la costituzione di un organismo che veda al suo interno Comune di Sulmona, Soprintendenza ai Beni Culturali ed Architettonici e rappresentanza del Consiglio Comunale al fine di concertare l’indirizzo di qualità e consistenza dei lavori pubblici per preservare al meglio l’unicità dei materiali lapidei dei beni storici, architettonici e paesaggistici della Città di Sulmona ed in particolare del suo Centro Storico”. Ad avviso dell’avv. Bianchi ne va di mezzo “la visione complessiva del luogo che deve essere inteso come preziosa testimonianza in Abruzzo e nel mondo. La Città di Sulmona va quindi preservata da interventi a macchia di leopardo caratterizzati dal consumismo delle opere pubbliche capaci di spersonalizzarne, nel tempo i connotati, sottraendole di volta in volta e pezzo a pezzo il senso del vincolo storico in mancanza di validi indirizzi dell’Amministrazione Comunale. Vanno inoltre predisposte misure comunali regolamentari per preservare i monumenti dalle aggressioni del degrado e dalla collocazione non consona degli stands sul Corso Ovidio in occasione delle fiere.”

Nella foto accanto al titolo la rimozione della pietra in Piazza XX Settembre. Le operazioni si sono concluse oggi, nonostante il “patto tra gentiluomini” tra l’assessore Biagi e il direttore dei lavori

 

Please follow and like us: