Per Ovidio tanto spazio, ma quali contenuti?

152

Stampa questo articolo
ALLA CONCLUSIONE I LAVORI PER IL CONVENTO DI SANTA CATERINA, MA LE OPINIONI CAMBIANO

13 GIUGNO 2018 – L’allestimento delle aree espositive nell’ex Convento di Santa Caterina, per un impegno finanziario  di 132.860 euro  ed una durata di 120 giorni è l’oggetto di una indagine di mercato che il Comune sta espletando per realizzare lo “Spazio Ovidio” nell’ex convento di Santa Caterina in Via Angeloni. “Si sta procedendo in maniera spedita – secondo quanto afferma l’assessore Nicola Angelucci – per consegnare alla città una struttura da troppo tempo abbandonata, consentendo di portare a compimento nel più breve tempo possibile, con il contributo della Camera di Commercio dell’Aquila, un progetto che prevede la realizzazione di sale espositive museali e di luoghi dedicati ai convegni e alle iniziative culturali di qualità”.  L’avviso pubblico di manifestazione di interesse è pubblicato sul sito web del Comune di Sulmona.

Ora sullo “Spazio Ovidio” occorrerà chiarirsi le idee, in quanto non è fuori luogo l’opinione del neo-assessore alla cultura Bencivenga, che vuole evitare allestimenti dal contenuto prettamente scenico e non in linea con le esigenze di un turismo molto selettivo come quello di chi si avvicina ai contenuti e alle espressioni di Publio Ovidio Nasone.

L’immagine del martirio di Santa Caterina in una pietra dell’ex convento

Del resto, il fallimento di una mostra che prometteva grandi emozioni (quasi al limite del tattile…) come quella su Augusto ai Fori nel bimillenario della morte può essere di insegnamento.

Please follow and like us: