DIFFERENTI DECENNALI

179

Stampa questo articolo
PER RIPARARE IL LICEO OVIDIO BASTEREBBE LA META’ DI QUANTO SI SPENDE A L’AQUILA IN CELEBRAZIONI DEL TERREMOTO

25 MARZO 2019 – Da dieci anni è vuoto il Liceo classico “Ovidio”. Da dieci anni è vuoto il Centro Studi intitolato a Publio Ovidio Nasone.

Il complesso di Piazza XX Settembre e Piazzale Salvatore Tommasi, cioè l’ex convento dei Gesuiti, si sta sgretolando senza che la Provincia spenda un euro per riaprire almeno la scuola.

Per eseguire lavori di riparazione dei danni del terremoto occorrerebbe poco più di un milione di euro, cioè esattamente la metà di quanto si spenderà nei prossimi giorni a L’Aquila per organizzare una maxi celebrazione del terremoto del 6 aprile 2009. Il paradosso sta tutto in questo: che a L’Aquila si spende in celebrazioni più di quanto si potrebbe spendere per ridare una scuola, la più immersa nel tessuto urbano, a Sulmona; e per ridare ai molti utenti, che venivano anche da varie parti del mondo, la consultazione di alcuni rari testi di Publio Ovidio Nasone poco dopo il Bimillenario della sua morte.

Il Liceo classico “Ovidio”

Please follow and like us: