“APPROVATE IL BILANCIO, PER LEGGERLO C’E’ TEMPO DOPO”

134

Stampa questo articolo
PARADOSSALE DIKTAT ALL’ASSEMBLEA COGESA, MA UN GRUPPO DI SINDACI SE NE VA E MANCA IL NUMERO LEGALE

25 FEBBRAIO 2019 – L’assemblea del Cogesa oggi ha raggiunto il paradosso: iscritto all’ordine del giorno della convocazione, il punto dell’approvazione del bilancio era noto a tutti. Ma non era noto… il bilancio.

La bozza da approvare è stata sottoposta ai componenti l’assemblea soltanto oggi e oggi avrebbero dovuto studiarla, discuterne ed approvarla. Ha superato il paradosso, planando direttamente nel ridicolo, l’assessore Mariani, che rappresentava il Comune di Sulmona: ha accusato i sindaci non-gerosolimiani (che hanno abbandonato la seduta facendo mancare il numero legale), di irresponsabilità per la conseguente impossibilità di stabilizzare i precari. Ma ha anche dovuto ammettere che anche a lui il bilancio è stato consegnato oggi.

Pare di capire che la dote della responsabilità sia solo in coloro che approvano in silenzio, anche carte che non conoscono perché sono presentate quasi contestualmente all’alzata di mano per approvarle. Mariani non si pone la domanda sul motivo per il quale sia stato conservato in giunta comunale, al contrario di tutti gli altri assessori che sono stati rimossi qualche giorno fa: non pensa che il suo ruolo sia stato solo quello di approvare e far approvare, insomma quello di un robot, sotto il profilo politico, per poter tacciare di irresponsabilità coloro che volevano capire almeno per sommi capi il bilancio.

Siamo giunti ad un nuovo tipo di rivolta: quella degli “yesmen” contro coloro che vogliono capirci qualcosa. Ci si potrebbe fondare un nuovo partito; il risultato elettorale di due domeniche fa a Sulmona, dopo i bandi del Cogesa portati casa per casa, può far delineare buone prospettive di riuscita di questa nuova formazione. Tanto poi, se per garantire questi bilanci dobbiamo prendere migliaia di tonnellate di rifiuti da L’Aquila, da Roma, da Pescara (come quelli trasportati nel tir della foto del titolo), l’essenziale è dire sempre “sì” ad ogni tipo di gestione del Cogesa. Senza disturbare il conducente.

Please follow and like us: